Vediamo un paio di esperimenti (pippe) sull’impatto dei contenuti lato SEO. Gli aspetti analizzati riguardano le duplicazioni dei contenuti e la loro pertinenza.

Esperimento 1: le verità nascoste!

Nel primo esperimento ho messo a confronto 4 posts pubblicati su un dominio di 3 livello (http://lab2.appuntiseo.it) e ottimizzati per una keyphrase geolocalizzata a bassa competizione:

“vendita coccodrilli a Cento”

Questi i title degli articoli sotto esame:

  1. Vendita Coccodrilli a Cento – Grandi Rettili Shop 
  2. Vendita Coccodrilli a Cento – Cocco Shop                   (Con Microdata)
  3. Vendita Coccodrilli a Cento – Cric & Croc Shop Con     (Con Microdata)
  4. Vendita Coccodrilli a Cento – Animals Long Tail Shop

Stessi H1, title differenziati solo da un nome di brand inventato e stesso contenuto con qualche grassetto quà e là sui termini “vende coccodrilli” e “Cento”.
In due dei 4 articoli è stato implementato il microdata Local Business. Tutti e 4 gli articoli sono stati correttamente indicizzati.

La pippa mentale è:
Come vengono trattati i contenuti duplicati? In SERP quante pagine trovo posizionate e quali?

Dopo qualche settimana di attesa, il risultato è che in SERP si è posizionata, per la query di ricerca “Vendita coccodrilli a Cento”, solo 1 pagina ed esattamente quella con title “Vendita Coccodrilli a Cento – Cocco Shop” in cui è stato implementato il microdata Local Business. Il resto delle pagine è finito nel “limbo” (o quasi!).

ranking-in-serp

Il motore di ricerca ha fatto una scelta ovvia: ho 4 pagine uguali, prendo quella più ottimizzata per la query di ricerca.
Il plus della pagina più ottimizzata è dato sicuramente dal Microdata Local Business (tra le due versioni con Microdata ne ha scelto una sola).

Conclusione 1:
Se è vero che i contenuti duplicati vengono filtrati (e qui abbiamo scoperto l’acqua calda!), a parità di contenuto e dominio le pagine che emergono in SERP sono quelle con una miglior ottimizzazione SEO.

Esperimento 2: l’abito fa il monaco… e come!

Ma le pippe non finiscono qui!
Lo stesso giorno, su un differente dominio di 3 livello di test (http://lab1.appuntiseo.it), ho pubblicato altri 4 post:

  1. Vendita Coccodrilli a Cento – Crocodiles Shop 
  2. Vendita Coccodrilli a Cento – Rettili Shop             (Con Microdata)
  3. Vendita Coccodrilli a Cento – Animali Shop          (Con Microdata)
  4. Vendita Coccodrilli a Cento – Alligator Shop

Stessi H1, title anche qui differenziati da un nome di brand inventato. Tutti i post hanno contenuti neutri, insignificanti (“Fusce bibendum vel tellus et rhoncus…”) e differenti con qualche grassetto sul termine “vendita coccodrilli a Cento” all’inizio di 3 blocchi di testo. Tutti e 4 gli articoli sono stati correttamente indicizzati.

La pippa mentale è:
Come vengono trattati i contenuti non pertinenti? In SERP quante pagine trovo posizionate e quali?

Il risultato è che in SERP non si è posizionato nessuno dei 4 posts per la query di ricerca “Vendita coccodrilli a Cento”.

Conclusione 2:
Anche se è un caso estremo con pertinenza contenuti quasi nulla (a parte la ripetizione della keyphrase), l’esperimento dimostra l’importanza dei contenuti. Non è bastata una ripetizione della keyword “Vendita coccodrilli a Cento”, una mappa, il Microdata Local Business per valorizzare la pagina e posizionarla in SERP. Serve un buon contenuto.

Analisi del limbo (indice supplementare)

Un’ ulteriore verifica ha dimostrato che 4 delle 8 pagine sono finite nell’indice supplementare:

intitle

indice supplementare

I due test sono banali, forse scontati… ma servono (a chi si fa pippe mentali) ad avere solo delle conferme.

PS: E’ in corso un test sulla semantica, in particolare sulla correlazione tra LDA e SEO.

4 commenti
  1. Stefano
    Stefano dice:

    Ciao compimenti per il test. Hai provato a mettere sempre io testo inventato ma mettere la key in un h2 e vedere se cambia qualcosa?

    Rispondi
  2. Luca Bovera
    Luca Bovera dice:

    Gran bel test, sicuramente interessante.
    I link alle pagine “vendita coccodrillo a Cento” le hai mese dopo il test, corretto…? Giusto per essere sicuri che non abbia influito nell’indicizzazione.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − dieci =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.